top of page

SGF, CENTRO STUDI GIOACHIMITI: PER NOI LA CULTURA È UN IMPEGNO QUOTIDIANO


Quotidianamente raccontiamo la vicenda culturale e spirituale di Gioacchino da Fiore ed offriamo la nostra collaborazione ad Associazioni culturali, Scuole, Enti, Parrocchie, registi, giornalisti, tesisti, studiosi, semplici curiosi. È l'inizio di una nota del Centro Internazionale di Studi Gioachimiti.


Giovedì pomeriggio - prosegue il comunicato - abbiamo presentato le Tavole del Liber Figurarum a decine di studenti dell'Erasmus, provenienti dal Portogallo e dalla Lettonia, accompagnati da docenti dell' Istituto Professionale Alberghiero Statale; la serata vissuta in un'atmosfera spirituale intensa nella cripta partecipando alla celebrazione dei Vespri dell'Abate organizzata dai giovani dell' Azione Cattolica; venerdì abbiamo inviato un intervento al bel convegno organizzato dalla d.ssa Monica Spadafora ad Amsterdam entrando nel merito delle monografie che venivano presentate; nel pomeriggio, nella Sala degli Stemmi del Palazzo Arcivescovile di Cosenza, abbiamo partecipato ad una interessante iniziativa con un intervento sulla concezione gioachimita della Trinità.

A conclusione del convegno, una stupenda visita al Museo Diocesano. Ci siamo soffermati, con il direttore don Salvatore Fuscaldo, persona competente e garbata, ad ammirare la Stauroteca, donata dall'imperatore svevo Federico II all'arcivescovo di Cosenza a Luca Campano, biografo e fraterno amico di Gioacchino da Fiore.


Federico II concesse molti privilegi al " Monasterium Sancti Iohannis de Flore" al quale era molto affezionato perché costruito, come amava scrivere nei diplomi imperiali, mentre viveva la mamma Costanza d' Altavilla.


C.I.S.G.Centro Internazionale di Studi Gioachimiti

70 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page