SGF, PD: LA SEGRETERIA ELETTA, DOPO LA NOTA STAMPA DIFFUSA IERI DA UNA PARTE DI ISCRITTI, RILANCIA


Una grande vittoria di democrazia e partecipazione dovrebbe essere messa in discussione da una decisione burocratica attivata da chi è stato democraticamente sconfitto! È quanto si legge in una nota diffusa dagli organismi eletti all’ultimo congresso cittadino del Partito Democratico -

Siamo venuti a conoscenza - si legge ancora nella nota - del pronunciamento della Commissione Nazionale di Garanzia su un ricorso proposto da Domenico Lacava e da altri 12 iscritti del Circolo di San Giovanni in Fiore, il provvedimento non ci è ancora stato notificato formalmente per cui non siamo in grado di valutare le conseguenze di tale pronunciamento.

Come sempre rispetteremo le decisioni del nostro Partito anche se siamo dispiaciuti che il legittimo pronunciamento degli iscritti possa in qualche modo essere messo in discussione.


Il ricorso di cui si parla è stato presentato prima dei congressi cittadino e provinciale - si legge ancora nelle nota - che si sono svolti secondo le regole del partito, sotto il controllo del garante Avv. Maria Locanto e del Presidente del seggio Dott. Pietro Lecce, entrambi nominati dalla Federazione di Cosenza a guida del Commissario e responsabile degli Enti locali On.le Boccia, non capiamo quindi come mai è stato autorizzato e fatto svolgere il congresso per poi metterne in discussione il risultato. Probabilmente le logiche correntizie hanno prevalso e una grande vittoria di democrazia e partecipazione è stata messa in discussione da una decisione burocratica attivata da chi è stato democraticamente sconfitto.

L’accoglimento del predetto ricorso mette in discussione l’elezione del Segretario Regionale, Provinciale e di Circolo e mette in grave difficoltà il Partito. Modificare la consistenza del corpo elettorale dopo avere avuto conoscenza dell’esito del congresso configura la violazione della prima delle regole democratiche e non può essere giustificata in nessun modo.

Viene da chiedersi - conclude la nota della segreteria eletta - a chi giova un tale assurdo comportamento e come spiegare lo stesso agli iscritti e agli elettori del nostro Partito, soprattutto nella nostra Città dove la gente aspetta con speranza l’ingresso in campo del P.D. per poter trovare un punto di riferimento e per sentire contestare le assurde politiche dell’attuale amministrazione di destra senza paura e tentennamenti.

Combatteremo affinché prevalga la democrazia con tutti gli strumenti a nostra disposizione.

Gli organismi PD democraticamente

eletti dal Congresso di Circolo

di San Giovanni in Fiore

339 visualizzazioni0 commenti