top of page

SGF, ASSEMBLEA LAVORATORI "CALABRIA VERDE": COSTO DELLA VITA AUMENTATO - CONTRATTO DI CATEGORIA SCADUTO DA 12 ANNI

È neessario rinvigorire e innovare la forza lavoro forestale - da sempre operativa negli alvei dei fiumi - sui versanti a rischio frane e smottamenti - nella prevenzione e nella lotta attiva agli incendi - nel rimboschimento - nella lotta alla processionaria


Oltre 300 lavoratori di Calabria Verde hanno partecipato, a San Giovanni in Fiore,  all’assemblea unitaria indetta dalle OO. SS. Fai -Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil, della provincia di Cosenza, per discutere sull’andamento del confronto, tra Sindacato, Regione Calabria e Calabria Verde, relativamente alle  priorità della piattaforma sindacale sul  lavoro forestale in Calabria. È quanto si legge in questa nota giunta stamani in redazione - Un momento di  discussione - prosegue il comunicato - intenso e a tratti anche nervoso, che non ha tradito le attese: non sono mancati infatti i toni forti da parte dei lavoratori su un Contratto Regionale scaduto da 12 anni e non ancora rinnovato, così come non sono mancati gli inviti ed il sostegno alla mobilitazione, qualora i punti oggetti del confronto, non dovessero tramutarsi  nelle prossime settimane in atti concreti. Non a caso, è stato forte il richiamo dei lavoratori sull’aumento del costo della vita e la perdita di reddito per il mancato rinnovo del CIR, per una Riqualificazione che si annuncia contingentata e per altre questioni di carattere economico che sono spesso disattese rispetto alle previsioni del CCNL; per non parlare di aspetti di natura organizzativa che non possono essere oltremisura sopportati come ad esempio la gestione del riconoscimento di quanto previsto dall’art. 9 del CIR.

Durante il confronto - prosegue la nota - si è anche discusso delle prospettive del comparto, anche alla luce della ventilata ipotesi di trasformare Calabria in ente economico. Una ipotesi questa che, se attuata, metterebbe seriamente a rischio diritti fondamentali dei lavoratori e no apporterebbe nessun vantaggio reale al comparto. E’ stata inoltre sottolineata l’importanza del lavoro forestale in una regione, da sempre, alle prese con le sue criticità morfologiche, in particolare sul fronte di un diffuso dissesto idro-geologico, al quale iniziano a sommarsi  gli effetti dei cambiamenti climatici che delineano scenari ancor più drammatici; è in questo nuovo ed emergenziale contesto che va urgentemente consolidata, rinvigorita e innovata  la forza lavoro forestale, per intenderci, quella che opera negli alvei dei fiumi, sui versanti a rischio frane e smottamenti, nella prevenzione e nella lotta attiva agli incendi, nel rimboschimento, nella lotta alla processionaria e, in generale, nella manutenzione del territorio e nella salvaguardia del patrimonio boschivo; e la sola immissione di un contingente di lavoratori ex L.R. n.15/2008, a tempo determinato, seppur apprezzabile, certamente è cosa insufficiente; anche per questo le OO. SS. ribadiscono la richiesta che questi  lavoratori possano essere avviati nel più breve tempo possibile

Per le OO. SS. - concludono i sindacati - sono queste attività, già svolte da anni dai lavoratori, sulle quali assicurare le necessarie risorse finanziarie, che legittimano le rivendicazioni dei lavoratori e l’esistenza di un apparato tecnico-ammnistrativo che si muove dentro ed intorno alla forestazione e non il contrario; ed è anche per questo che il  diritto al rinnovo del contratto regionale, ad una completa riqualificazione  dei lavoratori e ad una effettiva applicazione delle norme contrattuali diventa, l’unica, vera misura per giudicare  l’azione del governo regionale.


FLAI-CGIL                                                   

(Giovambattista Nicoletti)

FAI-CISL 

(Antonio Pisani) UILA-UIL

(Antonio De Gregorio)

904 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page