SGF, BOCCE: PAOLO "CIRITOMBOLA" PROTAGONISTA A REGGIO CALABRIA - 3° ASSOLUTO CAT. "C" DEL CENTRO SUD


Sono le conferme quelle che contano, in ogni settore, soprattutto nello sport. Paolo Oliverio (ciritombola) - della bocciofila di San Giovanni in Fiore - sbaraglia Reggio Calabria e si piazza al terzo posto assoluto nella categoria C – specialità raffa, quindi: podio, premi vinti e soprattutto un pass importante per le finali nazionali. Una storia bella quella di Paolo che avevamo raccontato in un’altra occasione, ma questa di ieri è veramente ghiotta. Paolo Oliverio era fino a ieri, dopo aver vinto le batterie provinciali, nei primi 16 puntatori-accostatori del centro sud. “Cat. C” specialità raffa (Sicilia, Calabria, Basilicata, Campania Puglia). Ieri, 9 ottobre/2022, a Reggio Calabria nell’ambito del XXI TROFERO VILLA ARANGEA – “Memorial Mimmo Marino” specialità ‘raffa’, dove Oliverio era arrivato perché risultato quarto in prov. di CS – nel torneo provinciale. Difatti lì, venerdì scorso, avevano partecipato 8 bocciatori di SGF, in 7 erano stati eliminati ad inizio torneo, Paolo, con la sua grinta e soprattutto con la sua bravura era andato avanti, conquistando la partecipazione all’importate torneo di R. Calabria.


Una felicità immensa, per un uomo con addosso 70 primavere, che ha sbaragliato tutti battendo, giocatori, di 20-30-40-50 anni meno di lui. Certo lo sport delle bocce non ha certo bisogno di fisico o muscoli, ma noi crediamo che gli anni alla lunga contano anche nelle bocce. A Reggio Calabria, in una domenica di ottobre che difficilmente dimenticherà, Paolo ciritombola, si è difeso assai bene; una tappa importate quella di Reggio che porta il vincitore, Spadafora Francesco della Bocciofila Italia CS, a vincere oltre ai premi in palio anche il prosieguo nelle altre partite a tappe che porteranno poi alle competizioni nazionali.

Un sangiovannese sul podio dei vincitori è qualcosa di importante che noi vogliamo evidenziare; Paolo Oliverio, merita tutta la nostra stima e la nostra riconoscenza, perché attraverso questo sport, questa disciplina, le bocce, conferma ancora una volta che ci si può affrancare, riscattare, attirando anche l’attenzione dei giovani che in altre realtà geografiche scelgono di competere praticando le bocce.

La lezione di Paolo infondo è proprio questa, in certi sport come in questo caso le bocce, se sei bravo, nonostante gli anni che passano, si può arrivare lontano, come Paolo che tra sabato e domenica scorsi ha dimostrato di stare nei primi 16 del centro sud per poi piazzarsi nel XXI TROFERO VILLA ARANGEA a Reggio Calabria 3° posto assoluto. Grande Paolo



Salvatore Audia
299 visualizzazioni0 commenti