I PSI TORNA SULLA QUESTIONE FINANZIAMENTI: L’OPINIONE PUBBLICA HA IL DIRITTO DI CONOSCERE I FATTI

riceviamo e pubblichiamo>>>


Noi Socialisti, aderenti al Partito Socialista Italiano, nella lettura attenta di alcuni atti amministrativi comunali, abbiamo riscontrato delle dichiarazioni non corrispondenti alla verità ed abbiamo deciso che, una volta scoperte, debbono essere rese note alla opinione pubblica.

Tutto ciò, sta accadendo all'interno del Palazzo Comunale di San Giovanni in Fiore, da quando si è insediata la Giunta Municipale, a guida del Sindaco Rosaria Succurro.

Per non lasciare dubbi nell'opinione pubblica, circa i mancati finanziamenti del Ministero dell'Interno, si precisa che tramite il DL n. 145 del 30.12.2018 e seguenti integrazioni, sono stati chiesti dalla ex Giunta a guida di Giuseppe Belcastro, i finanziamenti di tre progetti esecutivi e precisamente:

1) 150.000 euro per la viabilità del quartiere Olivaro;

2) 950.000 euro per costone roccioso viale della Repubblica;

3) 500.000 euro per viabilità cittadina.


Basta visionare gli allegati 1, 2 e 3 al suddetto decreto, in applicazione al criterio di cui ai comma 139, 140 e 141 dell'articolo 1 della Legge 145 del 30.12.2018 che stabiliscono l'assegnazione dei contributi per l'anno 2021 al Comune di San Giovanni in Fiore.

Da ciò si deduce che la precedente amministrazione non ha perso nessun finanziamento.

Per gli atti pubblici non veritieri si citano:

1) la delibera di Giunta Municipale n. 147 del 22.11.2021 per mancanza del firmatario del progetto; la delibera di G.M. n. 98 del 19.07.2021 per dichiarazione non corrispondente alla situazione attuale e la Determinazione n. 562 del 22.11.2021 per lo stesso motivo di dichiarazione non vera. Altre delibere, riteniamo che non siano, a nostro parere, legittime per cui ci rivolgeremo agli organismi di competenza.

Sulla vertenza in atto con il sindacato confederale provinciale CGIL, CISL e UIL , riguardante il personale comunale, che ha confermato lo stato di agitazione, ribadiamo ancora una volta, che la Giunta di Rosaria Succurro ha "dovuto" stabilizzare gli LSU e LPU grazie alla Legge Nazionale che concedeva la deroga ai Comuni di non dichiarare il personale in soprannumero, dopo l'avvenuta stabilizzazione.


Non si può sfuggire al confronto chiesto dal sindacato ne snobbare una convocazione del Prefetto di Cosenza su iniziativa del sindacato. Le bugie hanno le gambe corte,la Sindaco Rosaria Succurro se dovesse continuare a recitare il ruolo di pinocchio, arrecherebbe un grave danno all'immagine del Comune florense, speriamo che si ravveda e si corregga.

PSI: SAN GIOVANNI IN FIORE